en

PNRR: via al bando per la transizione digitale degli organismi culturali e creativi

02 Novembre 2022

Il Ministero della Cultura ha pubblicato l’avviso per il finanziamento della transizione digitale degli organismi culturali e creativi (TOCC): domande a partire dal 3 novembre fino al 1° febbraio 2023

L’iniziativa si inserisce nella cornice del PNRR e in particolare nella Missione 1 (Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura), Componente 3 (Turismo e Cultura 4.0), Misura 3 (Industria culturale e creativa 4.0), ed è finalizzata a fornire supporto ai settori culturali e creativi per l’innovazione e la transizione digitale lungo l’intera catena del valore.

Chi può fare domanda?

Possono presentare domanda soggetti costituiti al 31/12/2020, profit e non, tra cui le micro e piccole imprese, le società cooperative, le associazioni non riconosciute, le fondazioni, gli Enti del Terzo settore iscritti o in corso di iscrizione al “RUNTS”.

Gli ambiti di attività dei soggetti ammissibili sono: musica; audiovisivo e radio; moda; architettura e design; arti visive; spettacolo dal vivo e festival; patrimonio culturale materiale e immateriale; artigianato artistico; editoria, libri e letteratura; arti dello spettacolo.

Quali sono gli interventi ammissibili?

I progetti potranno essere finalizzati, ad esempio:

  • alla creazione di nuovi prodotti culturali e creativi
  • alla diffusione dei prodotti culturali verso un nuovo pubblico
  • alla realizzazione di attività per la fruizione digitale del patrimonio
  • all’incremento del crowdsourcing e lo sviluppo di piattaforme open source

Quali le spese ammesse? E che contributo?

Il bando ammette le seguenti spese di investimento:

a) impianti, macchinari, attrezzature, arredi e mezzi mobili

b) servizi specialistici e beni immateriali ad utilità pluriennale (tra cui programmi informatici, brevetti, licenze e marchi)

c) opere murarie e impiantistiche per l’adeguamento delle unità locali.

Sono inoltre ammissibili, fino al limite massimo del 20% del progetto totale, spese di capitale circolante, strettamente funzionali al progetto finanziato (ad esempio: utenze, affitto sede locale, nuovo personale, altri servizi).

Il progetto dovrà avere un valore massimo di 100mila Euro!

Le agevolazioni sono concesse esclusivamente sotto forma di contributi a fondo perduto e per l’80% dell’importo totale, per un massimo di 75mila Euro!

Quindi, come si partecipa?

Restiamo volentieri a disposizione per valutare assieme il grado di rispondenza delle tua azienda/ente, nonché dei tuoi piani di investimento, a questo Bando. Ti forniremo tutte le altre informazioni necessarie a guidarti all’ottenimento del contributo!

Contattaci tramite il sito o scrivendo a ipr@castec.it!

Copyright © 2022 | CF e PI: 04452390232 | Capitale sociale i.v. € 10.500,00 | Privacy policy - Cookie policy